studiolegale

CONDOMINIO ED IMPIANTO DI SORVEGLIANZA

Tutela della sicurezza e privacy Argomento sempre attuale alla luce della crescente criminalità e della paura dei singoli condomini per l’incolumità personale e per i propri beni. L’impianto di videosorveglianza ha trovato ingresso con la formulazione dell’art. 1122 ter c.c. che ha stabilito la liceità dell’installazione di telecamere all’interno del cortile e delle altre parti […]

CONDOMINIO ED IMPIANTO DI SORVEGLIANZA Leggi tutto »

IL VIAGGIATORE HA DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO IN CASO DI MAXI-RITARDO DEL TRENO

CASSAZIONE CIVILE 09 ottobre 2023 N. 28244 La Suprema Corte con la sentenza soprarichiamata ha condannato la società ferroviaria per il maxi-ritardo durato quasi un intero giorno a causa del maltempo che ha lasciato i passeggeri senza adeguata assistenza. La tratta da percorrere era la Roma Termini-Cassino e ci sono volute quasi 24 ore a coprire il tragitto. Il

IL VIAGGIATORE HA DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO IN CASO DI MAXI-RITARDO DEL TRENO Leggi tutto »

Previdenza e Assistenza

AI FINI DEL RICONOSCIMENTO DELL’ASSEGNO SOCIALE NON RILEVA LA RINUNCIA ALL’ASSEGNO DI MANTENIMENTO

Corte di Cassazione Civile 11 settembre 2023 n. 26287 Con la sentenza richiamata la Corte di Cassazione è tornata a pronunciarsi sull’argomento confermando che l’unico requisito richiesto per ottenere l’assegno sociale è “lo stato di bisogno effettivo del titolare”. Nel caso di specie l’INPS rigettava la richiesta ritenendo che il soggetto non fosse in stato

AI FINI DEL RICONOSCIMENTO DELL’ASSEGNO SOCIALE NON RILEVA LA RINUNCIA ALL’ASSEGNO DI MANTENIMENTO Leggi tutto »

Handicap L.104/1992

IL LAVORATORE CHE ASSISTE UN FAMILIARE CON HANDICAP HA DIRITTO ALLA SCELTA DELLA SEDE DI LAVORO

Cassazione Civile 12 settembre 2023 n. 26343 La Corte di Cassazione ha stabilito che il diritto del lavoratore di scegliere la sede di lavoro più vicina al domicilio al fine di poter prestare assistenza al familiare affetto da handicap non è assoluto o illimitato. Presuppone infatti che vi sia anche una compatibilità con gli interessi

IL LAVORATORE CHE ASSISTE UN FAMILIARE CON HANDICAP HA DIRITTO ALLA SCELTA DELLA SEDE DI LAVORO Leggi tutto »

Famiglia e successioni

MANTENIMENTO DEI NIPOTI: SOLO L’INDIGENZA DI ENTRAMBI I GENITORI OBBLIGA I NONNI A CONTRIBUIRE AL MANTENIMENTO

La Corte di Cassazione con l’ordinanza del 12 ottobre 2023 n. 28446 ha stabilito che l’obbligo degli ascendenti di fornire un aiuto economico va ravvisato solamente quando non vi sia la possibilità per entrambi i genitori di provvedere alle necessità dei figli. Per ravvisare l’esistenza di un obbligo in capo ai nonni non è sufficiente

MANTENIMENTO DEI NIPOTI: SOLO L’INDIGENZA DI ENTRAMBI I GENITORI OBBLIGA I NONNI A CONTRIBUIRE AL MANTENIMENTO Leggi tutto »

Responsabilità Sanitaria Medica

MORTE DEL FETO: Responsabilità dell’Ospedale e criterio di liquidazione del danno

Una sentenza di merito consente di porre l’attenzione sulla differenziazione e diversa quantificazione del danno in caso di feto premorto e morte del neonato. Gli attori convenivano in giudizio l’Ospedale per richiederne la condanna al risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale per la morte del feto. Alla 30esima settimana di gestazione l’attrice si recava

MORTE DEL FETO: Responsabilità dell’Ospedale e criterio di liquidazione del danno Leggi tutto »

Danno da emotrasfusione

PAZIENTE CONTRAE L’EPATITE DOPO EMOTRASFUSIONE: SPETTA ALL’OSPEDALE PROVARE DI AVER AGITO CON DILIGENZA Cass. n. 10592 del 2021

I Giudici della Corte di Cassazione accolgono il ricorso presentato da una signora che aveva contratto l’epatite C a seguito di una emotrasfusione e condannano l’Ospedale al risarcimento del danno subito. Nei fatti una paziente contraeva il virus HCV (epatite C) a seguito di una trasfusione di sangue in ospedale e conseguentemente chiamava in giudizio

PAZIENTE CONTRAE L’EPATITE DOPO EMOTRASFUSIONE: SPETTA ALL’OSPEDALE PROVARE DI AVER AGITO CON DILIGENZA Cass. n. 10592 del 2021 Leggi tutto »

Previdenza e Assistenza

COME LEGGERE UN VERBALE DI INVALIDITÀ CIVILE?

Gli attuali verbali possono essere distinti in 4 aree. AREA 1: Contiene i dati anagrafici del richiedente; Dati della visita e definizione della stessa; Data della domanda e il suo relativo numero; AREA 2: Giudizio della Commissione in merito alle patologie del richiedente. Contiene l’anamnesi del soggetto cioè le condizioni dello stesso desunte dai certificati

COME LEGGERE UN VERBALE DI INVALIDITÀ CIVILE? Leggi tutto »

Torna in alto